Enneatipo 3

Enneatipo3

Passione: vanità

Fissazione: (auto)inganno

Personaggi celebri: Richard Gere, Milly Carlucci, Celine Dion, Whitney Houston, Sting, Giulio Cesare

Il carattere 3 è il più pratico ed esecutivo dell’Enneagramma. E’ estremamente concreto e orientato al risultato. Senz’altro molto bravo a fare quello che fa visto che per lui è fondamentale raggiungere ciò che si è prefissato, nei tempi previsti.

Performante fino agli eccessi, crede che ciò che crea sia la dimostrazione del proprio valore. Per questo il carattere 3 dipende dal risultato finale, con cui si identifica; il suo motto è: “Se faccio bene sono bene, se faccio male non valgo niente”. Questa convinzione, piuttosto amara, dipende dal fatto che non riesce a sentire bene le proprie sensazioni ed emozioni, quindi gli manca un’impressione di sé profonda e che arrivi dall’interno.

Per lui quindi è fondamentale come gli altri lo vedono e cosa pensano di lui,  ecco perché qui si parla di Vanità intesa come bisogno di esser visto bene agli occhi dell’altro. Il carattere 3 tende a non sentirsi mai visto abbastanza, in realtà è lui che non riesce a vedersi e a darsi valore.

Confonde ciò che vuole con ciò che gli altri vogliono per lui. Sempre attento per questo a non sconfinare, non disturbare e portare un valore aggiunto. E’ riservato, tendenzialmente composto e sensibile all’imbarazzo e alla vergogna.

Piuttosto generoso e altruista tende sempre a cercare di rendersi utile e a dare un contributo. Questo inconsapevolmente è il suo modo per guadagnarsi l’amore dell’altro o anche soltanto un posto, visto che soffre moltissimo l’esclusione. Il 3 è un carattere che ha sempre presente la dinamica debito/credito: convinto che nella vita niente sia gratis è il primo ad impegnarsi anche duramente per cercare di raggiungere ciò che desidera. Tende a passare dalla “via maestra” per ottenere ciò che desidera, lontano da sotterfugi strani, e vuole il riconoscimento di ciò che fa.